E poi, ovviamente, non posso non ringraziare mamma e papà; un po’ perché mi hanno pagato gli studi, e quindi senza i loro sacrifici non potrei certamente essere qui, un po’ perché mi hanno sopportato in questi mesi. Dove vanno messi e come vanno scritti questi ringraziamenti? E quindi grazie al mio relatore, il professor Taldeitali, sempre prodigo di consigli e di indicazioni (oltre che di feroci stroncature); grazie al correlatore, prof. Pincopallino, che mi ha rimesso in riga quelle poche volte in cui non l’ha fatto il prof. Taldeitali; e grazie anche a tutti i ragazzi del Dipartimento e dell’Istituto di Ricerca, Tizio, Caio e Sempronio, che mi hanno fornito indicazioni senza le quali mi sarei sentito perso. Ringrazio poi le mie amiche Martina e Giulia, ragazze di intelligenza e sensibilità non Ringrazio la Prof.ssa Gloria Bonaccorsi per avermi seguita in questi mesi senza mai farmi mancare il suo sostegno e i suoi preziosi consigli, aiutandomi e accompagnandomi nella realizzazione della tesi. Ma ora bisogna proprio affrontare la questione. Ma che lo "schifo" esiste! Bastano una o due frasi in cui si spiega che questo lungo lavoro che ora è completo non sarebbe stato possibile senza l’aiuto e il sostegno di tante persone. Inoltre, ringrazio sentitamente il Dr Alberto Pretto correlatore dell’universit a, per il tempo dedicatomi e per la disponibilit a dimostrata nel redimere i miei dubbi durante la stesura del lavoro. Desidero inoltre ringraziare il correlatore, prof. Pincopallino, e le assistenti Nina, Pinta e Santa Maria, che mi hanno aiutato a dare un indirizzo più concreto ai vari percorsi di ricerca. Ama il primo Nanni Moretti, il primo De Gregori, i primi R.E.M., i primi Belle and Sebastian, i primi Baustelle e il primo Nick Hornby. Gli amici svolgono un ruolo molto importante nella vita diogni studente universitario: sono compagni di corso e studi, oppure amici divecchia data che hanno fatto percorsi di studio o lavoro diversi, in altrisettori e in altre città, ma non cambia l’affetto e il sostegno con cui stannovicino allo studente sia nei momenti di gioia, festa e “cazzeggio”, che inquelli più tosti, in sessione, sotto esame, durante la scrittura della tesi ele ricerche correlate. N.B. Fai log in per entrare nel tuo account. È una scelta personale, così come è molto personale lo stile con cui si decide di scriverli. Ringrazio il Relatore, professor … ed il correlatore, professor …: senza il loro supporto e la loro guida sapiente questa tesi non esisterebbe. Diciamo che in questo caso ci sono tre diverse scuole di pensiero, una più classica e due più originali. Created in 2010, it is a "must" for travelling players. Devo ringraziare le delusioni e i litri di lacrime che a testa alta ho affrontato senza mai perdermi d'animo! In primo luogo, bisogna assolutamente ringraziare il relatore. Perché mi hanno insegnato che il mondo non è solo rose e fiori. Intendo poi ringraziare l’azienda EuclidLabs, in … Aiuto concreto, nella ricerca, e sostegno psicologico. Controlla la tua casella di posta o la cartella spam per confermare la tua iscrizione! Vorrei dedicare qualche riga a coloro che hanno contribuito alla realizzazione della mia tesi di laurea. Mi è doveroso dedicare questo spazio del mio elaborato alle persone che hanno contribuito, con il loro instancabile supporto, alla realizzazione dello stesso. Trovi i nostri articoli utili? Grazie a tutti, senza di voi non ce l’avrei mai fatta. "Ringrazio me stesso per aver creduto nelle mie capacità, per non essermi mai tirato indietro, per aver avuto coraggio, per aver dedicato a questa maglia tutto quello che avevo, per aver rinunciato, per essermi sacrificato, per aver lottato, per non aver dormito, per non aver … Grazie perché ci sei sempre stata. Ringrazio i miei amici di sempre, Paolo, Valerio, Tiziano, Simone e Andrea, che con la loro bontà d’animo e la loro allegria mi hanno accompagnato tutti i giorni durante questo percorso. Lo vedremo nei prossimi capoversi, ammesso che vogliate davvero essere originali. Se state proseguendo la lettura, probabilmente avete deciso alla fine di scriverli, questi ringraziamenti. Grazie a tutti i miei colleghi di corso, per avermi sempre incoraggiato fin dall’inizio del percorso universitario. La foto di copertina è di Archeologo (via Wikimedia Commons). N.B. La struttura ideale è la seguente: – brevissima premessa generale; – ringraziamento al relatore, al contro-relatore, agli assistenti, agli enti di ricerca; – ringraziamento alla famiglia; – ringraziamento al partner; – altri ringraziamenti in velocità. Innanzitutto, sappi che abbiamo inserito gli esempi “ringraziamenti tesi” in “ordine crescente di completezza”. L’ordine dei ringraziamenti nella tesi é molto importante, pertanto va rispettato. Siamo ormai arrivati al fulcro del discorso. Regalo per Relatore Laureati e Colleghi: 11 Idee Uniche & Originali. l’incarico di relatore per la mia tesi. Ringrazio anche il professor Paolo Vidoni, che ha continuato a stimolare il mio interesse in questo ambito e con pazienza e disponibilità mi ha seguito durante la stesura di entrambe le tesi. Ti fornisce tutte le fonti utili da cui attingere per migliorare il tuo lavoro e rappresenta la tua guida durante questo percorso così importante. Ma chi mi ha sopportato di più è stata indubbiamente Francesca, capace di calmarmi quando l’ansia prendeva il sopravvento. Ti diciamo subito che la dedica tesi di laurea è una scelta che riguarda sola… Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. 4 Elementi da Considerare. In questo articolo, vedremo degli esempi “ringraziamenti tesi” concreti che puoi utilizzare come base per personalizzare i tuoi. Infine, senza pretese di superbia, ringrazio me stessa per aver intrapreso questo percorso universitario con determinazione e costanza, qualità che mi hanno permesso di non perdere mai Magari non me l’avete mai detto apertamente, di non credere in me.. ma la fiducia e la stima o la mancanza di queste, non viene espressa ad alta voce, si percepisce. Ha una moglie e quattro figli. Un ringraziamento speciale va al mio Tutor [Cognome Tutor] che mi ha aiutato a condurre le ricerche, oggetto dell’elaborato, presso l’azienda [Ragione Sociale]. Pertanto mi sento in dovere di ringraziare pubblicamente varie persone che mi hanno dato il loro aiuto in questi mesi: se nella tesi c’è qualcosa di buono lo si deve principalmente a loro (mentre le mancanze sono ovviamente tutte mie). Cinque frasi per la laurea (e la loro storia), Note legali, termini di utilizzo, fotografie, 1. Grazie per avermi fornito ogni materiale utile alla stesura dell’elaborato. Non posso non menzionare i miei genitori che da sempre mi sostengono nella realizzazione dei miei progetti. Infine, un pensiero devo riservarlo a Francesca, che mi è stata accanto durante i lunghi mesi di lavoro, e a tutti i miei compagni di corso e amici, che mi hanno dato consigli e incoraggiamenti. Vorrei innanzitutto ringraziare il Prof. KH, mio relatore, per la grande disponibilità e professionalità dimostratami in questi mesi di … Devi scrivere la tesi, ma non sai su quale argomento? Storia semiseria e illustrata della filosofia occidentale, La metonimia: gli esempi per comprendere questa figura retorica, Come scrivere lettere d’amore da far piangere per lei e per lui, Come fare un curriculum per studenti delle superiori: 5 esempi e strategie, Tutte le Facoltà universitarie presenti in Italia, Cinque idee per una lettera ad un migliore amico, Cinque straordinarie frasi dalle canzoni di De André, Cinque frasi di Una mamma per amica che vi resteranno nel cuore. Un ulteriore doveroso ringraziamento va a mia madre: la correzione di questo lavoro è stata una sua paziente opera, costata sacrifici e un’estate quasi rovinata. La premessa generale deve servire ad introdurre l’argomento. Infine, permettetemi di ringraziare anche me stesso, o meglio la mia forza di volontà: ho faticato e sudato sui libri per molto tempo e se sono arrivato fin qui lo devo soprattutto a lei. Il primo, qui di seguito, è abbastanza formale. Grazie a lui ho avuto modo di superare me stesso, acquisendo un prezioso bagaglio di … Ringrazio Giulio Masetti , responsabile del Laboratorio GIS, Cartografia e Telerilevamento dell’IGG-CNR di Pisa, per la disponibilità e l'aiuto fornitomi per l’utilizzo e la gestione dei Software necessari alla stesura di questa tesi. Come detto, poi è meglio partire dalle persone che ci hanno aiutato fisicamente e concretamente. Ringrazio prima di tutto la mia relatrice, Prof.ssa XZ, per gli impagabili consigli e per il grande supporto alla stesura di questa tesi. Se hai domande che riguardano questo argomento o in generale dubbi sulla redazione della tesi di laurea, non puoi non iscriverti al 1° e Unico Gruppo di Tesisti in Difficoltà. È lui che vede il tuo elaborato nascere, crescere e svilupparsi; rappresenta il tuo punto di riferimento per ogni dubbio, domanda, consiglio o approfondimento. Un grazie di cuore alla mia collega [Nome Collega], con cui ho condiviso l’intero percorso universitario. Dopo anni e anni siete arrivati finalmente alla laurea, al momento tanto agognato sia da voi che dai vostri genitori. Quasi me la vedo mentre legge la mail con un sorriso sulle labbra; quel sorriso di chi in Inutile dire che tutto questo lavoro non è solo frutto della mia fatica e del mio sudore. Ringrazio i miei genitori che mi sono sempre stati accanto, con l’infinita pazienza che li contraddistingue. L’altra soluzione è quella di mettere i ringraziamenti prima di tutto, in apertura, davanti addirittura all’introduzione, segnalandoli anche nell’indice. Grazie anche a tutti gli amici e i colleghi che mi sono stati vicini in questi anni, magari anche solo con una parola gentile. Utilizza questo modello se vuoi ringraziare anche il partner. Vorrei ringraziare il prof. Bianchi, relatore di questa tesi di laurea, per il supporto che mi ha fornito per la stesura di questa tesi e per le enormi conoscenze che ha messo a mia disposizione. Esempio Introduzione Tesi (Quello che c’è da Sapere sull’Introduzione! Ringrazio il mio relatore [Cognome Relatore], che in questi cinque mesi di lavoro, ha saputo guidarmi, con suggerimenti pratici, nelle ricerche e nella stesura dell’elaborato. "Prof, le mando l'ultima versione della tesi. Perché alla fine è questo il problema fondamentale e quello più pericoloso: decidere chi mettere dentro e chi lasciare fuori. Un ringraziamento particolare va al mio relatore [Cognome Relatore] che mi ha seguito, con la sua infinita disponibilità, in ogni step della realizzazione dell’elaborato, fin dalla scelta dell’argomento. Proprio per questo ci si può sentire un po’ persi. ringrazio Casa G. perch e casa G. non e solo una casa, ma e l’esperienza migliore che mi potesse capitare. Un sentito grazie al mio relatore [Cognome Relatore] per la sua infinita disponibilità e tempestività ad ogni mia richiesta. Ringrazio infinitamente mia madre e mio padre, senza i loro insegnamenti e senza il loro supporto, questo lavoro di tesi non esisterebbe nemmeno. Come si fa a rimanere sinceri e ad essere originali in un breve testo che hanno già fatto milioni di persone prima di voi e che faranno altre milioni di persone, probabilmente, dopo di voi? Grazie al mio collega [Nome Collega] che in questi tre anni è stato un esempio da seguire. Chiariamo subito: non c’è scritto da nessuna parte che bisogna per forza scrivere dei ringraziamenti all’interno della propria tesi. Quindi la prima cosa da chiedersi è se si voglia realmente farlo, ben sapendo che non è detto che qualcuno si offenda. L’idea, insomma, è che piuttosto che farli perché si è obbligati a farli, sia meglio astenersi. I campi obbligatori sono contrassegnati *. E naturalmente gli amici; ringrazio Eleonora per la collaborazione nella realizzazione del video della tesi, per le foto, le risate, la passione che condividiamo per il Pastore Tedesco, per avermi insegnato tanto sulla razza e l’amicizia che mi ha regalato in questi mesi. IT - Una rivoluzione, 3 parti più slide. Ho inserito anche i ringraziamenti. Nei ringraziamenti devono essere inseriti tutti coloro che hanno apportato un reale contributo all’ideazione, stesura e presentazione della tesi. Il relatore è sicuramente la prima persona da ringraziare in una tesi di laurea. Dopo tanto impegno l'ultima pagina è dedicata ai ringraziamenti della tesi di laurea, ma sia chiaro il fatto che non sono assolutamente obbligatori.Nessuno deve necessariamente fare i ringraziamenti a lavoro completato, a meno che non lo ritenga opportuno. Al di fuori dell’università, ho trovato sostegno e aiuto anche nei miei familiari, e in particolare in mio padre e mia madre, che non mi hanno mai fatto mancare il loro appoggio durante tutto il mio percorso di studi. ssa [Cognome] che mi ha dato utilissimi suggerimenti per condurre al meglio le mie ricerche. gli amici-amori che ti hanno incoraggiato e permesso di vivere il tuo percorso universitario con serenità Grazie anche al mio correlatore [Cognome Correlatore] per i suoi preziosi consigli e per avermi suggerito puntualmente le giuste modifiche da apportare alla mia tesi. ringrazio perché mi ha sempre incoraggiato dicendomi “andrà tutto bene” ed ha sempre trovato un modo per farmi sorridere. Ermanno “scrip” Ferretti ha 41 anni, vive tra Roma e Vienna (nel senso che abita più o meno a metà strada tra le due) e di mestiere fa l’insegnante. È una soluzione di assoluto rilievo e forse per certi versi eccessiva, che però si rivela necessaria in quei casi in cui la tesi è stata scritta avvalendosi del fondamentale aiuto di qualcuno. Ringrazio anche la sua famiglia, che mi ha accolto con grande affetto. Partite sempre dalla famiglia (è più elegante) e solo dopo di essa vi consigliamo di citare il partner, se lo avete, che di sicuro vi sarà stato vicino durante i lunghi mesi di lavoro. Vorrei ringraziare il prof. Rossi, relatore di questa tesi di laurea, non solo per il supporto che mi ha fornito per la stesura di questa tesi, ma anche per le enormi conoscenze che è stato in grado di trasmettermi, per la disponibilità, la pazienza e la precisione dimostratemi durante tutto il periodo di stesura. Grazie per tutto il tempo che mi hai dedicato. Ringrazio i miei genitori, perché senza di loro non avrei mai potuto intraprendere questo percorso di studi. E in ne ringrazio me stessa, per avere ancora la capacit a di meravigliarmi ogni giorno, Un sentito grazie a tutte le persone che mi hanno permesso di arrivare fin qui e di portare a termine questo lavoro di tesi. https://tesinsieme.it/esempi-ringraziamenti-tesi-di-laurea-8-modelli-pronti-alluso https://www.cinquecosebelle.it/ringraziamenti-nella-tesi-di-laurea-esempi E un grazie va anche a Rosito per essersi addestrato insieme a me. In primo luogo quindi è necessario menzionare il relatore di questo lavoro di tesi, il professor Taldeitali, che mi ha fornito indicazioni e correzioni preziose senza le quali questo lavoro non avrebbe potuto vedere la luce. Ringraziamenti tesi originali: ecco come (e a chi) scriverli. Grazie per aver ascoltato i miei sfoghi, grazie per tutti i momenti di spensieratezza. In primis, un ringraziamento speciale al mio relatore [Cognome Relatore], per la sua immensa pazienza, per i suoi indispensabili consigli, per le conoscenze trasmesse durante tutto il percorso di stesura dell’elaborato. TUTTI I DIRITTI SUI TESTI SONO RISERVATI. E, all’improvviso, vi sovviene alla mente che non avete ancora inserito i ringraziamenti nella tesi di laurea, come invece avete visto fare da vari vostri colleghi di studi. Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Grazie al percorso intrapreso insieme ho sviluppato maggiormente la mia capacità di analisi e di problem solving. Prima cosa: non è obbligatorio inserire i ringraziamenti. Innanzitutto, ringrazio il mio relatore [Cognome Relatore] e il mio correlatore [Cognome Correlatore], sempre pronti a darmi le giuste indicazioni in ogni fase della realizzazione dell’elaborato.