Per il momento è un mistero. Massimo Bolognesi del Wwf racconta di come i volontari abbiano raccolto le carcasse a un chilometro scarso dal centro: Solo noi  ne abbiamo raccolte quattrocento. Le tortore che vivono in cattività necessitano di un'alimentazione bilanciata e varia a base di: frumento, ravizzone, miglio, lattuga, scarola, dente di leone, canapa, avena e scagliola. Dopo i merli dal petto rosso, i corvi, le tortore, le balene ora anche i cigni muoiono in massa. Cadono dal cielo nei giardini, nelle strade e nei tetti come colpiti da un fulmine. A questo punto ogni ipotesi che si rivolga a ricercare una collocazione della causa delle morie vicina al sito dove gli uccelli sono precipitati risulta poco credibile. Quello della moria di api di qualche anno fa?… Muoiono uccelli. Quello di Ferlach, per la verità, non è un lago vero e proprio, ma un bacino di discreta dimensione creato da uno sbarramento […] Se disabiliti questo cookie, non saremo in grado di salvare le tue preferenze. Ma anche le tortore vengono uccise dai cacciatori ricreativi e, sebbene siano ampiamente protette, la caccia è stata consentita in dieci paesi dell'UE fino al 2018, con oltre un milione di uccelli uccisi ogni anno in Francia, Spagna e Portogallo, lungo la rotta migratoria occidentale che viaggiano gli uccelli del Regno Unito. Profeti autodichiarati, sette religiose (setta cristiana di Harold Camping) e ciarlatani vari giurano che la fine sia vicina e che questi siano segni chiari del cielo, come lo furono le rane bibliche piovute in Egitto. Le dimensioni viste sono per allevare una coppia di tortore da portare alla cova e alla riproduzione. Perché muoiono? oppure accedi a Gazzetta usando il tuo profilo social: Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms e sondaggi d’opinione da parte di RCS Mediagroup S.p.a. Vi autorizzo alla lettura dei miei dat idi navigazioneper effetuare attività di analisi e profilazione per migliorare l’offerta e i servizi del sito in linea con le mie preferenze e i miei interessi. Io credo che la causa della morte di queste tortore – ci dice Massimo Bolognesi parlando del caso della sua Faenza – sia da ricercare fra una di queste: o un inquinamento temporaneo prodotto da qualche azienda; o l’aviaria o qualche altra malattia; oppure ancora l’avvelenamento. For advertising, press releases and other opportunities: [email protected]. Controlla l’inserimento. Negli Stati Uniti, in Svezia. Tagliate la cipolla e mettetela in padella con abbondante olio e le tortore. La riproduzione della tortora domestica può avvenire 7 – 8 volte all’anno ma solo se la coppia e affiatata. This website uses Google Analytics to collect anonymous information such as the number of visitors to the site, and the most popular pages. Sono carnivore e si nutrono di uova o di pulcini (persino di cibo per cani), per quanto sembri crudele, questo serve a mantenere un equilibrio indispensabile per la vita, sia dei predatori che delle prede. Purtroppo so di casi in cui attaccano fino alla morte anche loro simili in … Il suo piumaggio ha una colorazione diversa da quello dei colombi selvatici: le tonalità predominanti sono il grigio chiaro sfumato della testa e del petto (grigio tortora per l’appunto), il bruno-marroncino presente sul dorso e il bianco del ventre e della coda. La tortora domestica, conosciuta anche come tortora dal collare, presenta un corpo allungato, una testa di piccole dimensioni, un becco piuttosto debole ed una coda lunga ed elegante. Cliccando sulla pagina, effettuando lo scroll o chiudendo il banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie You may use these HTML tags and attributes:
. Non lo sappiamo. In inverno, le tortore, tranne gli esemplari già presenti in Africa, migrano verso questo continente. Completando la registrazione dichiaro di essere maggiorenne e di avere preso visione dell’Informativa Privacy redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016. [Foto homepage: Corpo Forestale dello Stato; Foto2: WWF], claudia ecologiae.com is part of the LIFESTYLE AREA inside the IsayBlog! Cuocete a fuoco lento rigirando spesso il tutto. E perché solo loro? Le tortore sono uccelli migratori e nidificano in Europa, nell'Africa settentrionale e nell'Asia occidentale. CF, Partita I.V.A. Risultati delle analisi si attendono dall’America, dove nel frattempo è scoppiata la psicosi. Le tortore sono calate, ma non per colpa della caccia questo è certo, chi dice questo è un farabutto, la tortora soffre la mancanza di habitat e colture idonee, troppe monoculture, il girasole è maturo ad agosto, ma nel periodo riproduttivo, manca il grano tenero, cè in maggior quantità quello duro della pasta che non amano, e mancano tutte quelle piccole colture che esistevano nel passato, tipo la lenticchia, la … ecologiae.com è parte dell' AREA LIFESTYLE del network IsayBlog! Per ora continuiamo a sperare che gli eventi possano essere non correlati tra loro, indipendenti e dovuti a cause localizzate, che magari siano sempre avvenuti, e che sia solo l’eco mediatica  a presentarceli nella loro simultaneità, e che ciò che dice Massimo Bolognesi sia vero: Io credo che la causa della morte di queste tortore – ci dice Massimo Bolognesi parlando del caso della sua Faenza – sia da ricercare fra una di queste: o un inquinamento temporaneo prodotto da qualche azienda; o l’aviaria o qualche altra malattia; oppure ancora l’avvelenamento. I volontari del Wwf hanno pensato che, fino al mancato accertamento del contrario, fosse opportuno reputare il fenomeno una questione di ordine sanitario ma l’Asl non si è voluta occupare della rimozione dei cadaveri morti (alla quale ha provveduto il Corpo Forestale dello Stato), piovuti sin dentro il centro storico, e si è limitata a prelevare 4 uccelli per fare dei test presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Lugo. Salve, so che qui siete tutti amanti di piccioni e tortore, dunque sono un po' fuori luogo, ma spero vogliate aiutarmi lo stesso. Ma piccioni e tortore proprio non le sopporto, mi spiace, trovo quel rumore che emettono angosciante, per non parlare di quanto sporcano. Se nell'Arkansas piovono merli, in Emilia Romagna piovono tortore. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Pochi giorni fa a Faenza circa ottocento tortore dal collare sono state trovate morte lungo la statale. Per pubblicità, comunicati e collaborazioni: [email protected] Loro non muoiono soffocate? Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni come riconoscerti quando ritorni sul nostro sito web e aiutando il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. Dello stesso parere è anche la Forestale che spiega come potrebbe trattarsi di un’intossicazione alimentare. Dopo i merli dal petto rosso, i corvi, le tortore, le balene ora anche i cigni muoiono in massa. Per il proprio pasto predilige le ore fresche e scompare fra i boschi durante le ore maggiormente calorose e nei boschi per altro riposa a notte fonda, appollaiata sulle fronde degli alberi. network whose license is owned by Nectivity Ltd. «Io credo che la causa della morte di queste tortore – ci dice Massimo Bolognesi parlando del caso della sua Faenza – sia da ricercare fra una di queste: o … In effetti non servono doti da aruspici per leggere nell’evento un presagio di sventura, ogni segno che viene dal cielo ha per l’uomo una carica semantica  di valore fondamentale. Dopo l'ultima denuncia del febbraio 2013, dove i proprietari della distilleria e le amministrazioni si rimpallano le responsabilità, nulla è cambiato. La Tortora Selvatica (Streptopelia turtur), chiamata anche Tortora Comune o Tortora Europea, fa parte della famiglia dei Columbidi ed è strettamente imparentata con la Tortora Fosca (Streptopelia lugens), la Tortora Ventre Rosato (Streptopelia hypopyrrha) e la Tortora Rugginosa Orientale (Streptopelia orientalis); le quattro sottospecie riconosciute di Tortora Selvatica sono invece: Streptopelia turtur turtur, Streptopelia turtur rufescens, Streptopelia turtur hoggara e Streptopelia turtur arenicola. In inverno, dall'Eurasia migrano verso l'Africa. Infatti, se la moria di uccelli sarebbe spiegabile con una pandemia, quella di uccelli e pesci in contemporanea nei vari angoli del mondo pare difficilmente imputabile ad una causa naturale come può esserlo una malattia. Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Non si conoscono ancora le cause della strage. Tra i volatili più conosciuti che possono colonizzare l’ambiente domestico, vi sono … Muoiono uccelli. Estate, tempo di aperture in arrivo, tempo di tortore. Le tortore sono uccelli granivori, ma possono nutrirsi anche di vegetali come lattuga e carote, che sono un'ottima fonte delle vitamine di cui necessitano. Faenza: la pioggia delle tortore morte si colora di blu 05 gennaio 2011 GEAPRESS – Sono sicuramente molte centinaia, probabilmente migliaia, le Tortore dal collare orientale che stanno morendo in queste ore a Faenza. All Rights Reserved, Sindrome di Quirra: intervista a Stefano Deliperi, presidente del Gruppo d'Intervento Giuridico e Amici della Terra, Pubblicità ingannevole del Forum Nucleare Italiano, controspot in retevisione (video), Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Anche in tal caso il fastidio maggiore per le tortore è dovuto al riflesso della luce che le spaventa (se appesi, il vento fa dondolare i nastri così che possano fare pure rumore). Dopo i merli ed i pesci dell’Arkansas (USA), le ecatombi della Louisiana e del Kentucky, i milioni di pesci morti in Maryland, gli stormi di corvi di Göteborg (Svezia), il fenomeno raccapricciante è scoppiato anche  a Faenza. Come allevare tortore, la riproduzione. Ah, ho capito, allora sono proprio tortore (anzi, immagino che siano le tortore dal collare; dovrebbero avere una specie di collarino di piume nere sul collo)! Le improvvise e frequenti morti collettive di animali in giro per il mondo non sono i prodromi della fine del mondo. +100.000 Follower - Seguici su Facebok.. Nel 2019 ben 2,535,462 persone hanno visitato Migratoria.it Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web. Continuano a morire le tortore nonostante il clima mite di questi ultimi giorni del 2013. Selvatico meraviglioso nell’aspetto e nel volo, atteso dai migliori tiratori e dai nostalgici di campagne assolate e incontaminate. In questo caso un’azienda che lavora farine animali, vegetali e vinacce. Qualcuno potrebbe averle avvelenate perché le tortore mangiano grandi quantità di sementi. La Tortora Sel… Abito in campagna, cinquettii di tutti i tipi, fantastico. Speziate le carni con sale pepe e spezie a preferenza. Più complicata, invece, la storia delle tortore faentine, dove gli animali erano stati trovati nei pressi dell’oleificio “Tampieri”. Sono le tortore – e non, comunemente, come si ritiene le colombe – a rappresentare il livello più alto ed eterno dell’amore, la fedeltà, il pensiero costante che si estende persino al di là della morte, la monogamia naturale e sempiterna, non perchè imposta da codici morali, ma perchè avvertita come unica, naturale relazione di coppia. Certo che a credere che le Tortore siano morte soffocate, viene un po’ difficile. Differenze tra piccioni, colombi e colombacci. Ma la supposizione non sta in piedi perché l’azienda è in esercizio da tempo e nulla di anomalo si è riscontrato di recente. Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento. Servite ricoprendo le carni del loro stesso sughetto. E adesso anche in Italia. Le cause di questa moria? È accaduto e pare continui ad accadere in Carinzia, sul lago di Ferlach. Copyright Nectivity © 2020. //js2.gazzettaobjects.it//notifiche/global_notifications.json, https://www.gazzetta.it/notifiche/global_notifications.json, Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Gazzetta.it, Copyright 2020 © Tutti i diritti riservati. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Durante i festeggiamenti di fine anno, migliaia di merli dalle ali rosse muoiono nella cittadina di Beebe. La stessa coppia si può riprodurre da 3 a 6 anni. Ma questo fenomeno non ve ne ricorda un altro? Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati personali per comunicazione e marketing mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms e sondaggi d’opinione ai partner terzi. Amante degli spazi aperti, abita specialmente le zone con pochi alberi eppure imponenti e i campi coltivati poco distanti da rade boscaglie. Le aperture a settembre inoltrato le rendono desideri effimeri, quasi chimere da rincorrere, tuttavia quando la bella stagione regge il sogno può diventare realtà Le tortore, infatti, sono solite cibarsi sugli enormi cumuli residuati della distillazione, dove si trovano prevalentemente semi di vinacciolo trattati. R.E.A. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nelle impostazioni. Anche stavolta il prezzo di questi repellenti visivi è davvero alla portata, come puoi vedere qui . La tortora, nome scientifico Streptopelia decaocto della famiglia Columbidae è un uccello ormai ampiamente presente nelle nostre città facilmente riconoscibile dal suo monotono « tu-tuuu-tu» che viene emesso dal maschio, quando si posa su una superficie, mai in volo, per richiamare le femmine. Come in Arkansas e nel caso svedese primo pensiero è andato ad una fonte di inquinamento vicina. Esami facili, prof fantasma: il bluff milionario delle università online, A due anni dal tentato suicidio Pessotto si confessa in tv, Quelli che amano sniffare le mutandine usate e molto odorose, Vivere con la sesta (e con nessuno che ti guarda in faccia), Garattini non usa medicine. Diverse e in gran parte naturali. I macabri fenomeni sono stati letti come segnali della fine del mondo. Negli Stati Uniti, in Svezia. I 60 anni di Renato Zero. Keeping this cookie enabled helps us to improve our website. Fin da subito si erano rincorse le ipotesi più varie sulle possibili cause: dall’avvelenamento all’indigestione di semi, dall’inquinamento all’epidemia. Dev’essere qualcosa di mobile, forse una malattia molto virulenta (che avrebbe già assunto il carattere di pandemia) o comunque un fenomeno di altro tipo: fisico, chimico, atmosferico, in ogni caso di dimensione planetaria.